Come creare una landing page efficace

Perché creare una landing page

Per una campagna pay per clic serve una landing page

Articolo di Gianfranco Viasetti - 8 Settembre 2020

Perché creare una landing page (pagina di atterraggio)?

Anche se il tuo sito è posizionato bene, è probabile che i visitatori non atterrino sempre sulla pagina che a te interessa mostrare loro. Di solito vedono la pagina che il motore mostra nei risultati di ricerca, che non sempre è la più utile per convertire le visite in contatti.

E spesso usciranno dal sito senza vedere le altre pagine, cioè, altre pagine le vedranno, ma saranno quelle dei tuoi concorrenti.

Se vogliamo essere certi che gli utenti vedano proprio la pagina che in quel particolare momento desideriamo vedano, dobbiamo ricorrere a campagne Pay per Clic (PPC), ossia agli annunci sponsorizzati su Google, Facebook, ecc..

Perché creare una landing page 

Perché falliscono molte campagne PPC?

Uno dei motivi più comuni per cui una campagna PPC sui motori di ricerca fallisce è che non è stata prevista una pagina di destinazione ottimizzata per lo scopo.

Indipendentemente dalla pagina di destinazione (landing page) che stai creando, dovresti pensare alla conversione come prima cosa e quindi creare pagine ottimizzate per supportare le campagne PPC.

In questo articolo ti fornirò una guida completa per creare una landing page PPC efficace.

Più specificamente, ti dirò:

Bene. Iniziamo.

Cos'è una landing page PPC?

Una landing page PPC è una pagina web autonoma su cui i visitatori atterreranno dopo aver cliccato sul tuo annuncio su una piattaforma pubblicitaria (esempio, Google Ads, Facebook o altre).

Ogni aspetto delle landing page PPC si concentra sulle conversioni: sono prive di distrazioni e focalizzate sull’obiettivo. La grafica è inesistente o quasi. È il copy che la fa da padrone. È ciò che scrivi.

Ecco perché le landing page possono essere potenti strumenti di canalizzazione e di conversione.

La cattiva notizia è che una landing page che converte è difficile da creare.

Una campagna Google Ads è solo metà del lavoro

Una campagna Google Ads ben ottimizzata è solo la metà del lavoro necessario per avere una campagna PPC di successo. L'altra metà è la pagina di destinazione verso cui indirizzi i tuoi visitatori, dove avviene la conversione, ossia la landing page.

Ma la cruda verità è che i professionisti del marketing inesperti spesso perdono di vista l'importanza di questa seconda metà.

Spesso indirizzano tutto il traffico PPC sulla home page o su una pagina di destinazione scarsamente ottimizzata.

È un errore gigantesco! In questo modo si buttano soldi dalla finestra.

Una landing page PPC è diversa da una home page.

Una pagina di destinazione PPC mostra dettagli specifici su una particolare offerta. Serve un obiettivo chiaro e il tutto viene progettato per raggiungere tale obiettivo.

La landing page non contiene informazioni generali o link esterni (eccetto quelli indispensabili), e questo fatto riduce le distrazioni dei visitatori e aumenta le probabilità di conversione.

Più avanti in questa pagina ti dirò di più sugli elementi principali di una landing page ad alta conversione...

Una pagina di destinazione PPC non è simile a nessuna pagina del tuo sito Web, e dovrebbe essere trovata solo quando un visitatore clicca sul tuo annuncio a pagamento.

In altre parole, una pagina progettata specificamente per una campagna PPC viene raramente ottimizzata per la SEO. Dovrebbe essere accessibile solo facendo clic su un annuncio.

Qual è lo scopo di avere una landing page dedicata per un annuncio PPC?

È logico inviare il traffico di ricerca a pagamento su una landing page dedicata e ottimizzata.

Perché?

Perché il traffico organico è diverso dal traffico a pagamento. Vediamo come sono diversi.

Ottimizzare il titolo di una pagina web, la descrizione, i titoli ed i testi per la SEO ha lo scopo di aiutare il tuo sito Web ad essere mostrato in modo organico quando un visitatore cerca una parola chiave specifica.

Se un link sul tuo sito è la migliore corrispondenza per una data query di ricerca, Google lo seleziona e lo mostra nella SERP. La posizione in cui verrà mostrato il tuo sito web dipenderà da quanto lo avrai ottimizzato per la ricerca (SEO).

Con una campagna Google Ads o Facebook sei tu a decidere cosa mostrare

Con una campagna Google Ads o sui social, decidi tu dove esattamente indirizzare i tuoi visitatori. Puoi scegliere di collegare il traffico a pagamento a qualsiasi pagina del tuo sito Web, il che ti consente di affrontare in modo specifico e diretto le esigenze, i desideri e le obiezioni di un particolare gruppo di persone senza preoccuparti di scrivere in ottica SEO.

A differenza delle persone che sono finite accidentalmente sul tuo sito web da un annuncio sui social media, coloro che utilizzano Google per cercare qualcosa hanno un intento specifico. In molti casi, stanno cercando una soluzione pratica al loro particolare problema.

Pertanto, quando non riescono a trovare quello che vogliono sulla tua pagina generica (quella che hanno trovato in Google), potrebbero passare ad un altro sito web.

Questo comportamento dice a Google che la loro esperienza sulla tua pagina di destinazione non è stata soddisfacente.

Se invece i visitatori fanno clic su un annuncio e vengono indirizzati a una pagina di destinazione altamente pertinente (che corrisponde al testo dell'annuncio e li obbliga a intraprendere l'azione successiva), Google riceve segnali che indicano che la qualità dell'annuncio è elevata perché mantiene la promessa fatta e, cosa più importante, aiuta gli utenti a trovare la soluzione che desiderano.

Una landing page dedicata ha un focus che una home page e altre pagine del sito difficilmente possono avere.

Seth Godin, l’autore di “La mucca viola”, ha scritto:

"Le landing page hanno offerte specifiche e misurabili. Puoi sapere se stanno funzionando o meno. Puoi migliorare quindi alcuni aspetti e farle funzionare meglio".

Inoltre, va notato che una landing page dedicata e ben ottimizzata può aiutarti ad aumentare il tuo punteggio di qualità di Google Ads.

In parole povere, il punteggio di qualità misura la pertinenza tra i componenti degli annunci (parole chiave, pagine di destinazione, ecc..) e la query di ricerca di un utente che vede i tuoi annunci. Più conversioni hai dalla tua pagina di destinazione, maggiore è il punteggio di qualità del tuo annuncio, il che significa migliori posizioni dell'annuncio e un costo per clic inferiore.

Quali sono gli elementi fondamentali di una landing page vincente?

Tutti i tipi di landing page richiedono alcuni elementi comuni:

La maggior parte di questi elementi è necessaria, indipendentemente dall'argomento della tua pagina. Per saperne di più su ciascuno di questi elementi, leggi la nostra home page.

Ma essenzialmente dipende dal tuo obiettivo. Una pagina di vendita può essere molto più lunga di una pagina di acquisizione di lead. Una landing page di upsell avrà un focus diverso rispetto a una squeeze page (che serve solo per raccogliere dati). Una volta padroneggiate le regole, puoi modificarle a tuo piacimento.

Questi elementi sono solo i fondamenti di una landing page. Imparali e cerca poi di creare qualcosa di veramente unico.

Una landing page Google Ads vincente dovrebbe contenere anche questi elementi:

1. Buona corrispondenza del messaggio della pagina di destinazione dell'annuncio. In altre parole, se stai pubblicizzando un corso su YouTube, vendi un corso su YouTube, non inviare il tuo traffico a pagamento su una pagina che descrive "come guadagnare con Facebook". La tua pagina di destinazione PPC dovrebbe essere pertinente alle parole chiave per le quali stai facendo offerte. Vediamo continuamente annunci pubblicitari con titoli che nulla hanno a che vedere con la pagina che si apre dopo aver fatto clic.

Questo non va bene. Le ragioni si riducono al fatto che se mostri qualcosa di diverso dal tuo annuncio, infastidirai i tuoi visitatori che probabilmente non acquisteranno da te o non si iscriveranno alla tua mailing list.

Creando una corrispondenza di messaggi sul target, rassicuri gli utenti provenienti dal tuo annuncio a pagamento che sono arrivati nel posto giusto e che i tuoi contenuti (e il tuo brand) sono credibili e affidabili. La migliore pratica è mantenere il titolo dell'annuncio uguale o quasi uguale al titolo della pagina di destinazione. Se usi la parola chiave "impara a scrivere per vendere" nel titolo dell'annuncio dovresti utilizzarlo anche nel titolo della pagina di destinazione.

2. Velocità di caricamento. La velocità di caricamento della pagina di destinazione è essenziale perché Google dà la priorità alle pagine che offrono un'esperienza utente di alta qualità. Il motore di ricerca sottolinea che il ranking dell'annuncio è influenzato dalla velocità del sito, il che significa che lo sono anche i punteggi di qualità e il CPC. E se ciò non bastasse, gli utenti di Internet sono impazienti. Infatti, il 40% di loro afferma che abbandonerà un sito web che impiega più di 3 secondi per caricarsi. Per le pagine per dispositivi mobili, la probabilità di rimbalzo aumenta fino al 90% quando il tempo di caricamento della pagina passa da 1 a 5 secondi. Con questi in mente, una regola pratica è mirare a una velocità di caricamento della pagina di destinazione di 2 secondi o meno.

"Come faccio a sapere la velocità di caricamento delle mie pagine di destinazione?"

Semplice.

Inserisci l'URL della tua pagina di destinazione nel box che appare sul sito Google PageSpeed Insights.

Vedrai la velocità di caricamento sia da destop che da smartphone.

Se sulla pagina hai un video mettilo su YouTube. Quindi incorpora il video nella tua pagina.

Se il tuo è un sito dinamico rimuovi script e plugin non necessari. Puoi disabilitare un plug-in uno alla volta, quindi testare nuovamente la velocità della tua pagina per determinare quale plug-in è problematico.

Nei siti realizzati dallo studio Viasetti questo problema non esiste in quanto essendo siti statici NON hanno plug-in.

Correggi i collegamenti interrotti. Influiscono sull'esperienza dell'utente e rallentano il tempo di caricamento della pagina. Puoi utilizzare il Search Console di Google per identificarli.

Inoltre, dovresti ottimizzare anche la velocità di caricamento della tua home page. Probabilmente i potenziali clienti visiteranno la tua home page, quindi se il tempo di caricamento non è veloce come quello della pagina di destinazione, potrebbero abbandonare il tuo sito.

Quali sono le migliori pratiche per la progettazione di pagine di destinazione?

Ora è il momento di vedere alcune best practice per la progettazione di landing page PPC. Applicale e vedrai risultati sorprendenti nelle tue prossime campagne a pagamento:

1. Un annuncio, una pagina di destinazione

La regola d'oro è creare un annuncio per pagina di destinazione. In questo modo, scoprirai in che modo ogni annuncio influisce sul rendimento della pagina di destinazione. Se disponi di più annunci per pagina di destinazione, non sarà facile identificare quale annuncio genera conversioni e quale no.

2. Ottimizzare il copy della pagina di destinazione PPC

Come detto in precedenza, le campagne SEM si rivolgono a segmenti di pubblico pronti all'acquisto, ovvero coloro che hanno un intento transazionale e hanno solo bisogno di alcune indicazioni per una soluzione affidabile al loro problema. Il pubblico PPC spesso scorre il testo e passa rapidamente da un annuncio all'altro finché non trova ciò di cui ha bisogno.

Ecco perché una corrispondenza del messaggio tra il tuo annuncio e la tua pagina di destinazione è la chiave vincente. Inoltre, il copy della pagina di destinazione PPC dovrebbe essere conciso e diretto.

Considera quanto segue:

3. Utilizzare elenchi puntati anziché paragrafi.

  1. Enfatizza i punti chiave con citazioni in riquadri o incorporandole nei sottotitoli.
  2. Usa la voce attiva invece di quella passiva.
  3. Utilizza testi e immagini orientati alla soluzione anziché incentrati sulle funzionalità.
  4. Mantieni la tua forma breve e concentrata. Se un indirizzo email soddisfa il tuo scopo, non chiedere loro di compilare 5 diversi campi del modulo.
  5. Inserisci sempre un chiaro CTA nella prima parte della pagina (quella visibile senza fare scrolling). Serve come promemoria del motivo per cui i visitatori si trovano sulla tua landing page e rafforza l'azione che desideri che intraprendano.

Un'altra cosa di cui ha bisogno la tua landing page sono recensioni e testimonianze. Non puoi limitarti a dire: "Questo prodotto è fantastico." Non è credibile.

Hai bisogno di qualcuno che spieghi i vantaggi del tuo prodotto o servizio e come ha reso la loro vita migliore.

Recensioni e valutazioni dei clienti da un popolare sito di recensioni, ad esempio Trust Pilot.

Loghi aziendali che mostrano organizzazioni ben note che hanno accreditato e riconosciuto il tuo lavoro.

Menzionare, se esiste, la partnership con un'organizzazione ben nota per dimostrare che sei affidabile.

Tutti questi elementi di fiducia aiutano l'azienda a diventare più autentica e affidabile.

4. Applicare segnali direzionali

I segnali direzionali sono frecce, linee, sguardo fisso, puntamento, gesti o spazio bianco. Sono utili per attirare l'attenzione su elementi importanti come un pulsante CTA o un video sulla tua pagina di destinazione PPC. Sono piccoli ma abbastanza potenti da indurre i tuoi visitatori ad agire.

5. Creare landing page di confronto

Ccreare una landing page di confronto è una strategia intelligente. L'idea è che la tua pagina di destinazione presenti un confronto onesto e completo tra te e il prodotto della concorrenza.

Perché questa tattica funziona?

Lo shopping comparativo è un enorme problema per ogni imprenditore, online o offline. Allora perché non renderlo più semplice per i tuoi potenziali clienti?

Se crei una pagina di confronto dei prodotti, non solo aiuti gli utenti nel processo di ricerca, ma mostri anche la tua trasparenza su ciò che rende eccezionale il tuo prodotto. E la trasparenza è la chiave per creare fiducia con i clienti.

Inoltre, puoi trarre vantaggio dai nomi e dal traffico dei tuoi concorrenti per aumentare le conversioni.

Ora potresti pensare: "ma cosa succede se il mio prodotto non è migliore? Non promuoverei i miei concorrenti se creassi una landing page di confronto?"

Esatto.

Se il tuo prodotto è nuovo o non ha un USP migliore di quello del tuo concorrente, non dovresti creare una pagina di confronto.

Se il tuo prodotto è migliore di quello della concorrenza o riesci a farlo recepire come migliore, fai una pagina di confronto. Evidenzia le caratteristiche e vantaggi che i tuoi potenziali clienti otterranno dal tuo prodotto.

Applica i seguenti suggerimenti:

Non utilizzare i loghi dei tuoi concorrenti. Usa solo il nome del marchio.

Non esitare a confrontarti con molti concorrenti contemporaneamente.

Mostra prove (ad esempio recensioni, valutazioni, testimonianze, riconoscimenti di terze parti) a sostegno delle dichiarazioni che stai facendo.

Usa le tabelle di confronto per prezzi, caratteristiche, vantaggi, benefici.

Utilizza queste parole chiave nelle tue campagne Google Ads:

[nome prodotto della concorrenza], recensioni [prodotto della concorrenza], alternative [prodotto della concorrenza], [il tuo prodotto] rispetto a [prodotto della concorrenza], simili a [prodotto della concorrenza].

6. Usare immagini di persone reali

Diverse ricerche hanno dimostrato che l'utilizzo di immagini di volti umani reali può creare la prima impressione positiva con i clienti e ottenere la loro fiducia. Ciò probabilmente è dovuto al fatto che siamo abituati fin dalla nascita a riconoscere le persone e avere un alto livello di empatia per "persone come noi".

Usa foto di persone reali che sorridono è efficace. Non parlare troppo del tuo servizio, lascia che lo facciano i tuoi clienti soddisfatti.

Tieni però presente che non puoi utilizzare solo persone sorridenti per tua pagina. Devi trovare foto che ti aiutano a trasmettere il tuo messaggio e ad associarle con il tuo pubblico di destinazione.

7. Creare una landing page di iscrizione con un clic

Rendendo la tua offerta il più semplice possibile, i tuoi potenziali clienti non potranno facilmente dire di no. Se non ti serve conoscere il loro nome, rimuovi questo campo dal form e chiedi solo il loro indirizzo email. Più semplice è il tuo modulo di iscrizione, più è probabile che i visitatori si iscriveranno.

8. Non dimenticare la pagina di ringraziamento

Probabilmente già conosci l'importanza di avere una pagina di ringraziamento dedicata o una pagina di conferma, dopo che i visitatori si sono iscritti per avere un omaggio o hanno effettuato un acquisto online.

Una pagina di ringraziamento è importante tanto quanto una landing page.

Rifletti un attimo: hai mai compilato un modulo o effettuato un acquisto su una pagina di destinazione, e sei stato rimandato alla stessa pagina o alla home page senza una pagina di ringraziamento in mezzo?  Non sai se hai inviato un modulo o acquistato con successo!

I tuoi potenziali clienti si aspettano di essere indirizzati a una pagina di ringraziamento, non a una pagina con molte distrazioni.

Creando una pagina di ringraziamento ottimizzata, cogli anche l'opportunità di aumentare le vendite dei tuoi visitatori. Puoi ad esempio dare loro un codice promozionale per uno sconto sul loro prossimo acquisto o una prova gratuita di X giorni del tuo prodotto.

Ti chiedi come creare una pagina di ringraziamento vincente?

Sarà l'argomento del prossimo articolo. Rimani sintonizzato :)

Sei pronto per ottimizzare la tua landing page?

Ora hai tutto ciò che serve per creare una landing page ottimizzata per il PPC. Inizia a lavorare!

E se ti serve una consulenza, contattami ;-)

Gianfranco Viasetti

 HOME

Ti serve una consulenza?

Chiamami al 3356456855 o scrivimi a [email protected] 

Dicono di noi    Contatti

Il segreto della reciprocità

©1997-2020 Viasetti - Via Cesare Pavese, 39
25030 Castel Mella (Brescia)

 

 DISCLAIMER E PRIVACY

Torna a inizio pagina

Contatti Studio Viasetti - realizzazione siti web

Torna a viasetti

Home Page - Creazione siti web

Vai alla pagina Facebook dello Studio Viasetti